La ‘Ndocciata porta turismo • Prima Pagina Molise
Form
09-12-2016, 17:20 • Agnone • Cultura

La ‘Ndocciata porta turismo

Ora è il momento di organizzare un festival sui riti del fuoco ad Agnone. Maurizio Cacciavillani sposa l'idea di Domenico Meo e punta a portare la manifestazione in Russia

«La grande affluenza di pubblico di quest'anno è frutto di un progetto di marketing territoriale che ha visto sfilare la ‘Ndocciata a Milano durante Expo 2015». Le ultime due edizioni della ‘Ndocciata dell'8 dicembre ad Agnone hanno più che raddoppiato le presenze rispetto alle precedenti, dimostrando l'efficacia dell'azione di marketing territoriale intrapresa negli scorsi anni e culminata con "Il Giorno del Fuoco" a Milano il 26 settembre 2015, quando la ‘Ndocciata di Agnone ha sfilato sulla darsena dei navigli, come evento di punta di Expo in Città (il palinsesto degli eventi nel cuore della città milanese organizzati durante l'esposizione universale).
«Abbiamo un riscontro concreto che la ‘Ndocciata a Milano - spiega Maurizio Cacciavillani che è stato tra i promotori del progetto - ha portato tantissima gente ad Agnone. E questo è stato, fin da principio, l'obiettivo di tutta la nostra programmazione. Fare di Milano una vetrina internazionale, per portare persone sul territorio alto molisano. Molti ieri sono arrivati in città perché avevano visto o sentito parlare del Giorno del Fuoco nel capoluogo lombardo. E questa è la migliore risposta a tutti coloro che affermavano che la ‘Ndocciata a Milano non sarebbe servita».
Maurizio Cacciavillani evidenzia anche che il format "Il Giorno del Fuoco", coniato in occasione di Expo 2015, ha un effetto positivo sulla manifestazione, in quanto identifica meglio il significato della ‘Ndocciata, con un termine che la rende facilmente riconoscibile da chi non è molisano. Un format che lega la ‘Ndocciata alle altre peculiarità di eccellenza dell'Alto Molise: il fuoco quale elemento naturale che dà linfa a tutta la manifestazione (che illumina), diventa il fil rouge per la promozione dell'arte di fondere i metalli (fuoco che crea le campane e permette la lavorazione del rame) e per la promozione dei prodotti dell'agroalimentare (il fuoco che cuoce i cibi), ricollegate alla figura di San Francesco Caracciolo, patrono dei cuochi d'Italia.
«Questo format ha attirato tantissimi visitatori ad Agnone - spiega Cacciavillani - ma ora, per far si che l'evento sia ancora più da traino per il turismo e faccia restare le persone sul territorio per più giorni, bisogna sposare l'idea di Domenico Meo: trasformare la ‘Ndocciata in un festival sui riti del fuoco, che nel medio periodo possa durare anche per un'intera settimana. Questa azione avrà un effetto promozionale superiore ed attirerà ancora più persone». Inoltre, Maurizio Cacciavillani ritiene di dover ancora esportare la manifestazione oltre i confini molisani, per farle assumere una valenza internazionale. L'idea è di far sfilare le ‘ndocce infuocate in Russia, nella grande piazza rossa di Mosca, utilizzando l'evento come volano per il turismo del Molise e dell'Italia.
«In Russia c'è la campana più grande del mondo - spiega Cacciavillani - che si aggancia con la tradizione della millenaria fonderia Marinelli e la Russia è un mercato in crescita, che può rispondere benissimo. La ‘Ndocciata diventerebbe lo stimolo per aprire le porte alle imprese locali ad un contesto più internazionale. Abbiamo bisogno di uno shock promozionale per cambiare le sorti del territorio e attraverso una forte azione pubblico-privata la ‘Ndocciata può essere da apripista per incrementare il turismo ed attirare investimenti, creare nuovi rapporti commerciali. Ovviamente si tratta di un'iniziativa da organizzare con il tempo, con il supporto delle istituzioni e delle imprese molisane».
Per questo e per riconoscere la ‘Ndocciata come uno degli eventi di punta del Molise, Maurizio Cacciavillani lancia un appello alla Regione: «va istituita una legge regionale ad hoc per gli eventi molisani più importanti, con un finanziamento fisso con il quale creare un'organizzazione puntuale e strutturata. Basta con i finanziamenti a pioggia, bisogna scegliere sono alcune manifestazioni e puntare su quelle, come traino nel campo turistico e dell'agroalimentare, attraverso risorse pubbliche certe, da integrare con i finanziamenti dei privati. Solo così si può fare il salto di qualità per la promozione dell'intera regione».
Cacciavillani sottolinea che il Comune da solo non può sostenere un evento di grande portata come la ‘Ndocciata e ringraziando i portatori di ‘ndocce e gli organizzatori per l'ottimo risultato, invita a lavorare insieme per fare della ‘Ndocciata una manifestazione ancora più straordinaria.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
"Non è un paese per vecchi", il capolavoro dei Fratelli Coen come parodia dell'editoriale di Primapaginamolise

Comunicazione, in Molise non è roba da giovani. Frattura dà l'incarico a un over70 in pensione

Il presidente della Regione nomina tra i suoi consiglieri Pasquale Passarelli che voci di corridoio vogliono imposto da Patriciello. Ruolo con rimborso spese per accreditare l'austerity di Palazzo e non creare nessuna opportunità di occupazione per professionisti giovani che l'attendono e la meritano. Da giorni nuova bufera sul governatore.

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi