Intossicati dalla stufa, salvati dai carabinieri • Prima Pagina Molise
Form
08-01-2017, 17:01 • Agnone • Cronaca

Intossicati dalla stufa, salvati dai carabinieri

È stato necessario un gatto delle nevi in dotazione ai Carabinieri per raggiungere una famiglia di Agnone (Isernia) - dove la neve caduta in questi giorni ha raggiunto il metro e mezzo - intossicata dal monossido di carbonio liberato da una stufa. Madre e padre, 40enni, e tre bambini tra i 7 e i 10 anni sono ora ricoverati nell'ospedale del centro Altomolisano e sottoposti a specifiche terapie per la disintossicazione. La prognosi è riservata, ma non sono in pericolo di vita.
<br>
A salvarli - secondo quanto si apprende - è stata la telefonata di un vicino ai Carabinieri e al 118 alle 3 della notte scorsa. L'abitazione della famiglia è in Contrada 'Coccia'. Sempre con il gatto delle nevi, dopo i primi soccorsi praticati dal 118 sul posto, la famiglia è stata trasferita in ospedale. (Ansa)
   

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus

Le reliquie

Il "cuore" di San Pio a Isernia suscitata commenti entusiastici o sarcastici. Il fondamento teologico e spirituale di tali forme di religiosità si ricerca nella convinzione che la dimensione del contatto materiale con il corpo di un santo o con una sua reliquia serva a partecipare dell'energia e della Grazia ivi contenuta

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi