Anche lo Sprar di Larino segue la croce di Lampedusa • Prima Pagina Molise
Form
11-02-2017, 16:52 • Larino • Cronaca

Anche lo Sprar di Larino segue la croce di Lampedusa

Anche gli ospiti del Centro Sprar di Larino hanno partecipato alla fiaccolata che, venerdì scorso a Campobasso, ha portato in processione la Croce di Lampedusa, realizzata con il legno dei barconi utilizzati dagli scafisti per l'atroce traffico di esseri umani che ha trasformato il Mediterraneo in un cimitero.
Circa venti i migranti arrivati da Larino nel capoluogo molisano, accompagnati dagli operatori che da oltre tre anni si occupano di loro nella città frentana, diventata un simbolo dell'accoglienza. Tra le prime in Molise ad attivare un cosiddetto centro di seconda accoglienza, operante nel Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) attivo su tutto il territorio nazionale. "La Croce di Lampedusa, costruita con i resti delle barche affondate e benedetta da Papa Francesco, per volontà del Santo Padre sta girando l'Italia allo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla questione dell'immigrazione", ha detto Massimiliano Patavino, responsabile del Centro Sprar di Larino.
Da piazza Pepe, la processione ha illuminato con le fiaccole il Corso di Campobasso, giungendo nella chiesa di Sant'Antonio di Padova, dove si è svolto un incontro pubblico nel corso del quale sono state raccontate le storie e le speranze dei migranti giunti in Molise.
"Tra queste, è spiccata la testimonianza di un nostro giovane ospite - ha aggiunto Patavino - Hussein Rohullah, che nel prendere la parola in rappresentanza del nostro Centro, non solo ha raccontato le proprie e altrui vicissitudini, ma ha parlato di speranza, di amicizia e di un nuovo futuro in Italia e in Europa, nel segno della pace e della solidarietà tra i popoli".
Terminato il primo triennio di attività, lo Sprar di Larino ha raddoppiato (da 20 a 40) i migranti, rifugiati e richiedenti asilo ospitati, continuando il lavoro di assistenza ed integrazione, forte anche di un'ottima risposta della cittadinanza larinese, che da subito ha accettato e accolto le persone in fuga dalle guerre che stanno sconvolgendo l'Africa ed il Medio Oriente.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
Il premio rivcevuto a Los Angeles da 'Lontano dagli occhi".

Tv, dopo Berlino Iannacone vince anche a Los Angeles

Dopo la vittoria di Berlino nuova affermazione del molisano Domenico Iannacone che, con 'Lontano dagli occhi' vince il Realscreen Awards di Los Angeles. Una vittoria ancora più prestigiosa perché ottenuta contro documentari prodotti da Bbc e Chanel 5. Il verdetto è arrivato nella notte. "E' una sensazione bellissima vedere che anche lontano da qui il nostro lavoro e' amato", ha commentato a caldo il giornalista.

 Domenico Iannacone sul tetto d'Europa, vince il Civis a Berlino

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi