Da grande incassatore a duro accusatore. Michele Iorio, quel Divo che forse non c'è più • Prima Pagina Molise
Form
13-02-2014, 13:18 • Campobasso • Politica

Da grande incassatore a duro accusatore. Michele Iorio, quel Divo che forse non c'è più

Servillo nel Divo di Sorrentino
Servillo nel Divo di Sorrentino

Chi è l'uomo che torna in politica? Come torna in politica? Perché un punto in particolare, forse, non può essere messo in discussione. C'è un prima e un dopo  nell'immagine pubblica di Michele Iorio.


C'è una figura solida e conosciuta ai più, a tutti alla fine, come c'è una figura inedita, molto diversa, a tratti disarmante.


Al vertice di tutto, di ogni angolo del Molise, per dodici anni, Michele Iorio,
senza entrare nel merito di un'azione politica sicuramente discutibile, rovinosa per molti aspetti, ha rappresentato il bon ton di quel certo galateo politico di matrice democristiana. Demodé ma di certo rassicurante. Mai offensivo, sempre elegante, sempre paterno. Addirittura così, ad arte e per convenienza, poco importa. Lo è stato com tutti, amici e nemici, rassicurante, mai offensivo, elegante e paterno. Almeno nella forma, almeno all'apparenza. L'iconografia classica, a tratti stereotipata, lo ricorda così: il grande incassatore. Il Divo imperturbabile della politica locale. Capace di farsi scivolare addosso di tutto e di più.


Probabilmente tale per la forza che la poltrona ben salda gli ha sempre infuso. Fino a quando c'è stata, la poltrona ben salda.


Quando è venuta meno per volontà degli elettori che lo hanno relegato al ruolo di consigliere di opposizione e per decisione della magistratura che condannandolo per abuso di ufficio lo ha tenuto per circa un anno lontano dalla casa per lui più naturale, il Palazzo, ecco che il presidente sornione, l'Andreotti del Molise, quello stoico muro di gomma agli attacchi della stampa contraria (limitata all'epoca sua), della minoranza e di quell'opinione pubblica che mai lo ha apprezzato, cambia pelle e muta registro. Uno Iorio ante, uno Iorio post.


Più nervoso, il post, all'improvviso più legato a strategie di offensiva mirata. Il bon ton, storia archiviata.
Agli annali le sue ultime conferenze stampa di contestazione diretta, a tratti veemente, al governatore Frattura per fatti anche difficili da dimostrare. Di sicuro, arditi. Per esempio, i dubbi sull'incompatibilità ambientale di alcuni organi di polizia legati per parentela all'attuale presidente: un punto di non ritorno per un uomo che non ha mai accusato nessuno, né tanto meno s'è mai fatto cruccio delle accuse a lui rivolte. E poi gli annunci ripetuti di querela a Paolo Frattura. Segnali di un nervosismo imperante nel cuore del grande incassatore non più incassatore.


Il ritorno in Aula,
oggi consentito dalla Cassazione per prescrizione per quei reati che gli sono costati una condanna per abuso di ufficio a un anno e sei mesi,  sarà un test sulla nuova personalità di Michele Iorio. La nuova versione nervosa, soltanto una parentesi dovuta all'astinenza di Palazzo o, invece, il new deal del Divo che non vuole più essere tale? Alla prima seduta dell'assemblea regionale forse qualche certezza in più tutti l'avranno. Le occasioni non mancheranno.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
Il premio rivcevuto a Los Angeles da 'Lontano dagli occhi".

Tv, dopo Berlino Iannacone vince anche a Los Angeles

Dopo la vittoria di Berlino nuova affermazione del molisano Domenico Iannacone che, con 'Lontano dagli occhi' vince il Realscreen Awards di Los Angeles. Una vittoria ancora più prestigiosa perché ottenuta contro documentari prodotti da Bbc e Chanel 5. Il verdetto è arrivato nella notte. "E' una sensazione bellissima vedere che anche lontano da qui il nostro lavoro e' amato", ha commentato a caldo il giornalista.

 Domenico Iannacone sul tetto d'Europa, vince il Civis a Berlino

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Comunicati dai Gruppi
Form statistiche
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi