Sanità, ecco il numero verde per denunciare i disservizi • Prima Pagina Molise
Form
26-06-2017, 17:46 • Campobasso • Cronaca

Sanità, ecco il numero verde per denunciare i disservizi

Il presidente Frattura con il dg per la Salute Lolita Gallo
Il presidente Frattura con il dg per la Salute Lolita Gallo

I casi in cronaca, denunciati o semplicemente raccontati, sono infiniti: dalla ginecologa che dice alla paziente ricoverata: "Ci dispiace, ma questo farmaco (un ovulo) in ospedale non l'abbiamo, deve acquistarlo lei" all'interminabile attesa in un pronto soccorso dove in fondo in fondo non c'è alcun grosso movimento che giustifichi la paralisi per finire al medico predittivo che con malignità si sfoga: "Non ditele a noi, queste cose. Prendetevela con chi governa, il reparto adesso chiude". Gli annali della malasanità sono davvero pieni di uscite così poco ortodosse. Anche e soprattutto in Molise.

Dal medico o dall'infermiere, in ambulatorio o in ospedale, ci si presenta sempre un po' con il cappello in mano. Per soggezione e istintivo affidamento: loro ci curano, noi li ringraziamo. In un rapporto di ancestrale e anche dovuta, sia chiaro, subordinazione.

Detto questo, le mele marce che in ogni settore ci sono e sono identificabili e rovinano il sistema e forse è giusto anche indicarle soprattutto per mettere in luce il buon lavoro delle persone rigorose, serie e oneste e soprattutto per difendere chi spesso non ha voce o pensa di non averla. Nasce così il numero verde della sanità molisana, un nuovo servizio al quale i cittadini molisani potranno rivolgersi per segnalare eventuali disfunzioni e disservizi nel settore sanitario.

Lo ha presentato oggi il presidente della Regione e commissario per la sanità, Paolo di Laura Frattura. I due numeri sono 800.329500 per i numeri da telefono fisso, mentre per le utenze mobili è 0865.724242. Gli operatori saranno disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 18.00 e il sabato dalle 8.00 alle 12.00.

"La cosa importante - ha spiegato Frattura - è di non individuare questo strumento come uno mezzo punitivo o censorio nei confronti del personale sanitario regionale, al quale non può che andare ancora una volta un grazie per il lavoro garantito malgrado la carenza in termini di personale. Problema - ha aggiunto - che mi auguro si possa finalmente risolvere grazie allo sblocco del turnover e agli avvisi per quanto riguarda il primo blocco di dirigenti medici, già pubblicato da Asrem. A brevissimo seguirà anche quello per quanto riguarda 280 infermieri".

Frattura ha poi fatto riferimento ai contenuti della riorganizzazione sanitaria  e alla riconversione dei due ospedali di Larino (Campobasso) e di Venafro (Isernia) per i quali "abbiamo chiesto direttamente all'utenza, con un questionario, quali fossero le valutazioni sulla conversione delle due strutture".

Poi, anche un riferimento al rapporto Bankitalia sulla sanità molisana. "Voglio dire per buona pace sempre dei soliti detrattori - le parole del governatore - che non è concentrato esclusivamente sui conti della sanità regionale, sull'azzeramento del disavanzo, sulla riduzione, per la prima volta dal 2008 delle aliquote regionali Irpef e Irap, ma entra nel merito di due aspetti fondamentali. Il primo è riferito alla qualità dei servizi, con un notevole progresso in termini di valutazione dei Lea, l'altro - osserva Frattura - è il riferimento agli operatori privati convenzionati nel quale Bankitalia riporta il rilevante dato sui costi significativamente diminuiti per quanto attiene l'assistenza fornita da enti convenzionati e accreditati, passati da 127 milioni di euro a 107 mln di impegno su un totale del Fondo sanitario regionale di circa 580 milioni".

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
"Non è un paese per vecchi", il capolavoro dei Fratelli Coen come parodia dell'editoriale di Primapaginamolise

Comunicazione, in Molise non è roba da giovani. Frattura dà l'incarico a un over70 in pensione

Il presidente della Regione nomina tra i suoi consiglieri Pasquale Passarelli che voci di corridoio vogliono imposto da Patriciello. Ruolo con rimborso spese per accreditare l'austerity di Palazzo e non creare nessuna opportunità di occupazione per professionisti giovani che l'attendono e la meritano. Da giorni nuova bufera sul governatore.

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Servizi