Fare Verde: "Salvate la Athamanta macedonica" • Prima Pagina Molise
Form
17-06-2015, 17:00 • Campobasso • Ambiente

Fare Verde: "Salvate la Athamanta macedonica"

La rara pianta cresce sulla collina Monforte, a Campobasso, ma rischierebbe l'estinzione a seguito dei lavori degli operai dell'Arsiam

Non lo sapeva nessuno, o quasi. A Campobasso, sulla collina Monforte, cresce una pianta rara: la Athamanta macedonica, presente in Italia sono a ridosso del castello che, per questo, è classificato come sito di Interesse comunitario IT7222125.

"Tale specie vegetale - sostengono dall'associazione Fare Verde -, classificata da più fonti come rara o vulnerabile, conta non più di 300 esemplari e ha come habitat preferenziale l'interno delle fenditure delle rocce, le mura di antichi edifici o le opere murarie di contenimento delle sedi stradali. In particolare, sulla collina Monforte è possibile individuarla principalmente lungo il Viale del castello, viale Fratelli Pistilli Sipio e sulle pareti del Castello".

Gli ambientalisti denunciano: "Nei giorni scorsi è accaduto un episodio gravissimo che ha purtroppo seriamente compromesso la popolazione della rara pianta. In occasione di lavori di manutenzione e pulizia degli argini stradali, effettuati per conto del Comune dagli operai dell'Arsiam, una quindicina di piante, in buona parte prossime alla fioritura, sono state sfalciate, nonostante gli operatori fossero consapevoli della presenza di questa essenza. Quest'ultimi, infatti, durante i lavori, erano stati puntualmente informati da un docente di botanica dell'Università del Molise, Bruno Paura", peraltro presente.

Il professore, continuano da Fare Verde, "aveva richiamato l'attenzione degli operai, mostrando loro le caratteristiche morfologiche e la localizzazione della Athamanta macedonica. Dopo qualche ora la triste scoperta: buona parte delle piante precedentemente segnalate, erano state recise. L'episodio, benché apparentemente di poco conto, risulta in realtà gravissimo, data la particolare biologia riproduttiva della pianta che fiorisce e fruttifica una sola volta nella sua vita, morendo subito dopo. Si comprende pertanto che tale operazione di ripulitura non selettiva ha parzialmente pregiudicato il naturale rinnovamento della popolazione nel sito. Tale sconvolgimento offre, peraltro, il fianco alla diffusione di specie infestanti e fortemente invasive come l'Ailanto, sempre più diffuso sulla collina Monforte, che rappresenta il principale competitore di Athamanta macedonica".

Trattandosi di un'area protette e di un sito di interesse comunitario si poteva stare più attenti. Ora i volontari chiedono "una decisa azione di contenimento dell'Ailanto e la coltivazione della specie ex situ", da reintrodurre poi "in situ. La conservazione si dovrà realizzare attraverso l'ampliamento e il rinfoltimento della popolazione di Athamanta macedonica che - concludono dall'associazione - rappresenta l'unica peculiarità floristica esclusiva del nostro territorio e andrebbe tutelata, non lasciata all'incuria o, peggio, nelle mani di gestioni inappropriate".

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus

Elezioni, minitest in Molise: a giugno si vota in 18 comuni

Sarà un minitest elettorale quello delle prossime Amministrative in Molise fissate per l'11 giugno In regione appena 18 i comuni interessati (15 della provincia di Campobasso e 3 della provincia di Isernia). Si tratta esclusivamente di piccoli centri, tutti al di sotto dei 15mila abitanti, non è previsto dunque il ballottaggio. 

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi