Ruta: "Raddoppiare il fondo cerealicolo" • Prima Pagina Molise
Form
04-11-2016, 15:51 • Campobasso • Economia/Finanza

Ruta: "Raddoppiare il fondo cerealicolo"

Per il senatore Pd la misura è indispensabile in un momento di crisi del settore

"Nei mesi scorsi diverse associazioni di categoria del settore cerealicolo hanno manifestato in piazza per denunciare il crollo del prezzo del grano. E' in pericolo non solo la produzione di grano e la sopravvivenza di oltre trecentomila aziende agricole che lo coltivano, più di mille in Molise, ma anche un territorio, specie nel Sud d'Italia, di due milioni di ettari a rischio desertificazione e gli alti livelli qualitativi per i consumatori garantiti dalla produzione Made in Italy ". Lo dichiara il senatore del Pd Roberto Ruta nel corso del question time tenutosi ieri pomeriggio al Senato con il ministro Martina.
"E' molto importante - ha evidenziato il senatore Ruta - che il Ministro abbia fatto sapere che, prima della prossima campagna, potrà essere avviata la 'sperimentazione di una assicurazione sui ricavi per i produttori di grano'. E' sicuramente una prima risposta importante alla crisi che vive il settore. C'è poi l'istituzione per la prima volta di un Piano nazionale cerealicolo con dieci milioni di euro che, stando alle dichiarazioni del ministro, potrebbero anche aumentare. Mi auguro che in occasione della legge di Bilancio si trovi il modo per raddoppiare queste risorse o attraverso un intervento governativo o attraverso un emendamento che mi impegno a presentare: raddoppiare la copertura finanziaria per i contratti di filiera del grano italiano è indispensabile per tutelare il reddito dei produttori, salvaguardare gli interessi di tutta la nostra filiera cerealicola e rendere più competitive le nostre produzioni", chiude Ruta.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia: