Natale è sempre più dolce • Prima Pagina Molise
Form
19-12-2016, 16:26 • Campobasso • Economia/Finanza

Natale è sempre più dolce

I dolci natalizi della nostra tradizione artigiana rimangono al top delle preferenze sui mercati esteri. Nell'ultimo anno, tra panettoni, pandoro, cioccolato e prelibatezze made in Italy ne abbiamo venduti per un valore di 381,2 milioni di euro, con un aumento dell'1,5% rispetto all'anno precedente.  Lo rileva Confartigianato che ha redatto una classifica dei Paesi più ‘golosi' di prodotti italiani: per il valore del nostro export in testa c'è la Francia, seguita da Germania e Regno Unito.
Dall'inizio dell'anno, i nostri cugini d'Oltralpe hanno comprato 83,1 milioni di euro di dolci natalizi (pari al 21,8% del nostro export di questo tipo di prodotti). In Germania ne abbiamo esportato per 73,8 milioni (19,4% del totale esportato), mentre nel Regno Unito le nostre esportazioni di pasticceria per le feste di fine anno è pari a 43,2 milioni (11,1% del totale).


Ma il boom di crescita dell'export nel 2016 si registra in Spagna che ha comprato il 19% di dolci in più rispetto al 2015. Seguono la Germania con il 18,4% in più, la Polonia con il +18,3% e la Svizzera (+15,3%).
Secondo il rapporto di Confartigianato l'aumento dell'export di specialità natalizie è in linea con il record storico di vendite all'estero di prodotti alimentari made in Italy registrato tra gennaio e settembre 2016: ben 30,9 miliardi, il 3,3% in più rispetto all'anno precedente.

 

Nella classifica delle regioni con il maggiore aumento di export alimentare il Veneto fa la parte del leone con +6,1% nei primi nove mesi del 2016. Seguono il Trentino Alto Adige (+5,8%), la Lombardia (+3,5%). Roma guida la classifica delle province italiane dove nel 2016 è cresciuto di più l'export di prodotti alimentari. Rispetto alla media nazionale del + 3,3%, la Capitale fa segnare il primato con un aumento di esportazioni di food made in Italy del 28,3%. Seguono Padova (+16,2%) e Venezia (+15,7%), Varese (+13,5%), Torino (+11,8%).

E il Molise? La s
pesa alimentare di dicembre che riguarda le imprese artigiane è pari a 5,6 miliardi di euro. La Lombardia intercetta 970 milioni, il Lazio 572, poi Piemonte 437, Emilia Romagna 433, Toscana 357 e penultima la nostra regione con 29 milioni di euro. Solo la Valle d'Aosta fa peggio di noi. Il Natale è sempre più dolce, dunque, ma non qui.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus

Oscuri presagi sul futuro dell'Unione Europea

Ci rendiamo conto che questa sovrastruttura solidale, libera, egalitaria, pacifica e realmente democratica oggi segni il passo, ma non possiamo arrenderci al ritorno degli statalismi egoistici e nazionalisti

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Curiosità

La liquirizia riduce la fertilità

Uno studio americano sconsiglia il consumo della radice a quante desiderano un figlio

 

Foto Ansa

Cinque milioni di visualizzazioni per 'Webbastardo'

Spopola in rete il finto 'predicatore'. I cybernauti e lo scrittore Adelchi Battista lo esaltano. E' il nuovo Masaniello

 

Servizi