Piano Sanitario, primo via libera arriva dalla Commissione Bilancio • Prima Pagina Molise
Form
29-05-2017, 13:37 • Campobasso • Politica

Piano Sanitario, primo via libera arriva dalla Commissione Bilancio

È stato approvato nella tarda mattinata l'emendamento 34bis in Commissione Bilancio alla Camera: il piano sanitario del governatore-commissario Paolo Frattura entra nella proposta di manovra finanziaria che probabilmente domani passerà con la fiducia in Aula. La Commissione ha bocciato tutti i subemendamenti.

Il documento stabilisce che: "Il commissario ad Acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo sanitario della regione Molise dà esecuzione al programma operativo straordinario 2015-2018 che con il presente decreto è approvato, ferma restando la validità degli atti e dei provvedimenti adottati e fatti salvi gli effetti e i rapporti giuridici sorti sulla base della sua attuazione". Il medesimo commissario ad Acta, altresì, "adotta i provvedimenti previsti dal suddetto programma operativo straordinario 2015-2018, in modo da garantire che le azioni di riorganizzazione e risanamento del servizio sanitario regionale ivi programmate siano coerenti, nel rispetto dell'erogazione dei livelli essenziali di assistenza".

FRATTURA: STOP A RALLENTAMENTI - "Con il sì all'emendamento in Manovra relativo al nostro Programma operativo straordinario 2015-2018 - evidenzia il governatore Paolo Frattura -, riportiamo in legge un documento condiviso con il Governo e con le altre Regioni. È un fatto estremamente positivo che non mina l'autonomia decisionale della Regione nella gestione del nostro servizio sanitario, ma al contrario la blinda. Quest'approvazione, raggiunta grazie al lavoro condotto con la Commissione bilancio di Montecitorio, ci consente di cancellare, mi auguro definitivamente, la possibilità che chiunque, anche senza una riconoscibilità giuridica, possa impugnare l'atto di programmazione delegando a terzi la decisione sulla funzionalità e sulla bontà del documento stesso.  Grazie agli effetti della trasformazione del nostro Pos in legge dello Stato, finalmente daremo la spinta necessaria all'attuazione della riforma sanitaria: è quello che interessa a noi. 

A noi interessa assicurare ai cittadini molisani qualità, intensità di cura come fatto altamente innovativo e territorio vicino al cittadino, con il medico che va dal paziente e non viceversa. E il passaggio inserito nella Manovra è una garanzia in questo senso. Lo stesso iter è stato seguito per l'Abruzzo nel 2011. Il Governo nazionale continua a condividere e sostenere le scelte del Governo regionale riconoscendo la qualità della proposta che abbiamo messo in campo. Ora, chi grida allo scandalo, lasciando intendere chissà quali devastanti scenari apocalittici per la sanità molisana, sa di fare soltanto molto rumore per nulla, come al solito".

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
"Non è un paese per vecchi", il capolavoro dei Fratelli Coen come parodia dell'editoriale di Primapaginamolise

Comunicazione, in Molise non è roba da giovani. Frattura dà l'incarico a un over70 in pensione

Il presidente della Regione nomina tra i suoi consiglieri Pasquale Passarelli che voci di corridoio vogliono imposto da Patriciello. Ruolo con rimborso spese per accreditare l'austerity di Palazzo e non creare nessuna opportunità di occupazione per professionisti giovani che l'attendono e la meritano. Da giorni nuova bufera sul governatore.

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Comunicati dai Gruppi
Form statistiche
Servizi