Anief: ancora tagli alla scuola molisana • Prima Pagina Molise
Form
20-06-2017, 10:43 • Campobasso • Scuola/Giovani

Anief: ancora tagli alla scuola molisana

Ancora un duro attacco alla scuola molisana: il Dirigente dell'Ufficio Scolastico per il Molise, Dr.ssa Sabatini, con atto del 14/06/2017 ha disposto il sottodimensionamento di 4 Istituti scolastici della nostra regione, 3 nella Provincia di Campobasso (l'Istituto Comprensivo di Castelmauro, l'Istituto Comprensivo di Sant'Elia a Pianisi e l'Istituto Superiore di Larino) ed 1 nella Provincia di Isernia (l'Istituto Superiore Giordano di Venafro).

Queste 4 istituzioni scolastiche non saranno più sede di dirigenza, saranno smembrate e aggregate ad altri istituti. Gli studenti e le loro famiglie non troveranno più nella vecchia sede il Dirigente Scolastico né il Direttore dei Servizi Amministrativi (i loro posti sono stati cancellati), né gli uffici operativi delle segreterie: non potranno, in altre parole, usufruire dei servizi amministrativi né interloquire con il Dirigente e saranno costretti a spostarsi in altre località per qualsiasi necessità.

Il personale docente e ATA di questi Istituti subirà delle contrazioni di organico, in un periodo difficile per tutti i lavoratori, e dovrà spostarsi da un plesso all'altro e dalla propria sede a quella centrale, certamente più distante, per appuntamenti, riunioni ed incontri.

Cosa gravissima, inoltre, è che l'organizzazione scolastica, e quindi il servizio al quale l'utenza avrebbe diritto, sono completamente diversi da quelli scelti al momento dell'iscrizione al prossimo anno scolastico. Mutare le aggregazioni tra scuole, spesso con frequenza annuale, è già causa di notevoli disagi per utenza e personale; mutarle ad iscrizioni avvenute è insostenibile e, a nostro avviso, illegittimo.

Una scelta assurda che è stata adottata unilateralmente dall'Ufficio Scolastico per il Molise senza il preventivo parere delle due province e della stessa Regione Molise.

Una scelta che non soltanto ignora i numeri previsti dalla legge, ma aumenta le difficoltà di una scuola, quella regionale, che ha già dovuto fare i conti con vari sottodimensionamenti e, soprattutto, con le continue aggregazioni e disaggregazioni che ne derivano, fonte di costante instabilità per l'utenza ed il personale tutto. 

Ricordiamo che quello molisano è un territorio che, per le sue caratteristiche morfologiche, soffre più di altri delle aggregazioni a distanza di istituti superiori con vari indirizzi, di istituti comprensivi con una miriade di plessi distribuiti in comuni diversi, alcuni dei quali oltre tutto dati in reggenza, ossia senza un dirigente scolastico titolare. 

Nella nostra regione più che altrove è fondamentale una programmazione seria in materia, che coinvolga tutti gli organi preposti con l'unico fine di applicare una normativa nazionale nella maniera più razionale e quindi più indolore per il territorio.

A meno che non si pensi che l'unico modo per gestire le peculiarità del territorio, sia quello di mantenere o creare ulteriori istituti omnicomprensivi, che per norma dovrebbero essere aboliti. 

Se è vero che non si può giocare a rinviare la questione, vero è anche che è impensabile che l'amministrazione scolastica stessa ignori competenze e procedure dettate dalla normativa in materia. 

Il Molise ha bisogno di riferimenti sul territorio, di scuole e di edifici di qualità, non di burocrati e di politici che non tengono in considerazione la specificità dei nostri collegamenti, le difficoltà di gestione di un sistema delicato come quello scolastico, e la conseguente crescente difficoltà per l'utenza di collaborare con la scuola nella crescita e nella formazione dei nostri studenti. Il tutto si traduce, come sempre, in un paradossale aumento di lavoro e diminuzione della qualità del servizio offerto.

ANIEF Molise non accetta che un atto illogico e privo di validità giuridica possa rischiare di produrre effetti reali nel più totale silenzio di tutti gli organi interessati: Regione, Province, Comuni e organizzazioni sindacali.

La Segreteria Regionale sta sin da ora valutando azioni volte a richiedere l'annullamento della dichiarazione di sottodimensionamento del Dirigente dell'USR per il Molise.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia:

 

Focus
"Non è un paese per vecchi", il capolavoro dei Fratelli Coen come parodia dell'editoriale di Primapaginamolise

Comunicazione, in Molise non è roba da giovani. Frattura dà l'incarico a un over70 in pensione

Il presidente della Regione nomina tra i suoi consiglieri Pasquale Passarelli che voci di corridoio vogliono imposto da Patriciello. Ruolo con rimborso spese per accreditare l'austerity di Palazzo e non creare nessuna opportunità di occupazione per professionisti giovani che l'attendono e la meritano. Da giorni nuova bufera sul governatore.

 

Segui PPM anche su facebook!

 

Approfondimenti
Servizi