Erasmus, 26 studenti bulgari in città • Prima Pagina Molise
Form
01-09-2015, 15:54 • Isernia • Università

Erasmus, 26 studenti bulgari in città

Obiettivo del progetto è quello di stimolare la cittadinanza attiva, promuovere l'identità europea e il dialogo interculturale

Il presidente della Agenzia SFIDE e della Provincia di Isernia, Luigi Brasiello, nell'ambito del progetto A.C.T. (Active Connected Tolerant) Young People!, approvato e finanziato dal programma europeo Erasmus+, incontrerà domani 02 settembre 2015, alle ore 10.00, nei locali dell'Agenzia SFIDE - 4° Piano ala C Palazzo della Provincia - i 26 ragazzi che partecipano ad uno scambio bilaterale di giovani "Italia-Bulgaria", che si sta svolgendo, nel capoluogo di provincia, proprio in questi giorni.

I giovani bulgari arriveranno oggi pomeriggio in Città e resteranno, ad Isernia, fino all'8 settembre 2015. Qui porteranno avanti, in collaborazione con i ragazzi italiani, una serie di attività di educazione non formale.

Obiettivo del progetto è quello di stimolare la cittadinanza attiva, promuovere l'identità europea e il dialogo interculturale, esplorare la cultura dell'altro e accrescere la comprensione reciproca. I 26 giovani saranno impegnati in lavori di gruppo per approfondire le tematiche inerenti il patrimonio culturale, enogastronomico, le tradizioni e il folklore della provincia di Isernia, nozioni che andranno a trasferire agli ospiti provenienti dalla Bulgaria (Sofia).

L'appuntamento sarà occasione per i due gruppi di lavorare insieme, in un'ottica di reciproco scambio di conoscenze e per l'organizzazione di un ricco programma di giochi interattivi, dibattiti e coinvolgimento della cittadinanza. Nel corso dell'incontro di domani mattina, il presidente porgerà i saluti istituzionali agli ospiti stranieri e presenterà la delegazione alla stampa. Partner di progetto sono Agenzia SFIDE - Italia (Lead Partner) e Foundation Korenyak - Bulgaria.

Condividi questa notizia:

condividi su oknotiziecondividi su del.icio.uscondividi su facebookcondividi su diggcondividi su linkedincondividi su technoraticondividi su googlecondividi su yahoocondividi su livecondividi su stumbleuponcondividi su furl

Commenta questa notizia: